martedì 17 gennaio 2012

di aghi e di orli

Delle volte la casalinga bisogna proprio farla!

Ci sono quattro paia di pantaloni da accorciare in velocità e nessuna sartina è disponibile, la santa cognata è stata precettata per l’accorcio del quinto paio ma non le si può chiedere di più, allora che fare?

Posso impegnarmi a lavare pavimenti e vetri; cucinare per un reggimento; spolverare sino allo sfinimento; stirare colline di panni; 
ma non chiedetemi di prendere l’ago in mano!

Ed invece stavolta mi tocca proprio.

Ho a lungo pensato sul da farsi e una luce mi ha illuminato la mente ormai offuscata dal troppo pensare: 
e se provassi ad usare quelle magiche fettucce che si incollano sugli orli con il ferro da stiro?

Detto fatto. La merceria vicina ha il prodotto denominato appunto “Orlosvelto “ e con animo volenteroso mi sono applicata.
 Per prima cosa era necessario puntare con spilli la misura esatta delle lunghezze necessarie e già questo non è stato facile. 
La diatriba tra la figliapiccola e la sottoscritta sulla definizione del concetto di lungo e corto ha provocato un rallentamento delle operazioni 
che ha rimandato di un paio di giorni la “fattura”. 

Raggiunto il compromesso, ho esibito tutta la mia perizia cercando di fare le gambe delle braghe uguali , e non è stato per nulla semplice. Infine ho deciso che un po’ di approssimazione ci poteva stare. 
Mi sono armata di forbici ed ho tagliato la stoffa in eccesso, lasciandone quel tanto che basta per correggere eventuali errori. 
Poi ho stirato gli orli come recita il foglietto delle istruzioni ed i pantaloni per ora sono utilizzabili. 
Da brava donna di casa ho pure provveduto a sistemarli sulle grucce pronti per essere riposti negli armadi non senza aver risistemato l’asse ed il ferro da stiro nel loro alloggio, …. 

Accipicchia mi sono accorta che per un pantalone avevo dimenticato un orlo…. Disdetta, ho dovuto tirare fuori tutto e finire il lavoro.  

Secondo me al primo lavaggio sarà tutto da rifare ma per il momento la situazione è sotto controllo! 


15 commenti:

  1. Hai del coraggio, invece! Cimentarsi con l'ago non è da tutti ed io, infatti, non mi cimento! Dunque, portata o no, hai tutta la mia ammirazione! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. altro che coraggio! Si chiama disperazione ^_^

      Elimina
  2. Io non ci vedo più una mazza e quando devo attaccare un bottone mi faccio aiutare da Ragnina.
    Non sapevo che esistessero queste fettucce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei problemi è anche quello della vista, per infilare un ago ci metto mezz'ora!
      Fettucce magiche!!!!!!

      Elimina
  3. io sono una frana tanto nel cucire che nello stirare, non avrei saputo che scegliere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere che non sono la sola! La mia mamma, la nonna e le sue sorelle oltre ad essere cuoche casalinghe perfette ricamavano tutte, lavoravano a ferri, all'uncinetto e nel mio corredo ho ancora pizzi fatti da loro! Io mi sono sempre sentita piuttosto inetta!

      Elimina
  4. "condo me al primo lavaggio sarà tutto da rifare ma per il momento la situazione è sotto controllo! "
    Eppure ho visto alcuni capii acquistati che avevano queto tipo di orli, andare oltre la prima lavatrice! Dai, abbi fede . . . sei stata in gamba! Trovare alternative per i problemi di tutti i giorni, non è facile! :-)

    Ciao, Fior

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La necessità aguzza l'ingegno mia cara! Sono molto fiduciosa comunque....

      Elimina
  5. io sarei pronta a cucire orli su orli piuttosto di pulire casa, peccato abitare lontane, ti avrei dato una mano io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato davvero, sai quante chiacchiere mentre tu cuci e io lavo ^_^

      Elimina
    2. Beh, non sono più tante le persone che cercano di ingegnarsi con ago e filo, oggi. Vuoi per mancanza di tempo, vuoi per mancanza di impegno.
      Io per ora ammiro chi ancora riesce a farlo.
      Un sorriso per la serata.
      ^_____^

      Elimina
    3. Come ammiro anch'io chi sa cucire come si deve.... così può farlo al posto mio!

      Elimina
  6. Non sapevo che esistessero certe diavolerie! Che figata!
    E mi hai fatto venire in mente che ieri dovevo ritirare i miei pantaloni dalla sarta, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di ricordarmi anch'io domani di ritirare i pantaloni per la montagna (sesto paio) dalla sarta, per quelli proprio la fettuccia magica non serviva!

      Elimina
  7. ogni volta che i miei mi vedono con un ago in mano si mettono in attesa del terremoto, però in caso di bisogno gli orli so farli:)

    RispondiElimina