martedì 28 febbraio 2012

senza parole

E se la realtà è così difficile che ti pare di non riuscire più ad affrontarla 
è più giusto desistere o resistere? 

8 commenti:

  1. Resistere, senza dubbio, almeno avrai dato il meglio di te...comunque vada! Bacio

    RispondiElimina
  2. Margherita, stai diventando 'criptica'...
    Comunque, va' dove ti porta.... l'istinto!!
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Spero che questa frase non nasconda qualche grave problema Margherita. Comunque direi dipende dalla situazione.

    RispondiElimina
  4. "Càliti juncu ca passa la china" . . . siciliano e in italiano fa così: "Chinati giunco, che passa la piena"!
    O come dicono dalle mie parti "lascia andare il fumo in su e l'acqua in giù"!
    Ci sono momenti in cui mi adeguo a questi vecchi detti! quando mi pare che le cose non siano più afrontabili. Una pausa di riflessione per vedere che strada si intravede nella nebbia e mi "affido". Ci sono state volte che ho detto, col cuore, "Sia fatta la Tua volontà! E dammi la forza di sopportare quello che arriva!":-)
    Credo che la chiamino "resilienza" . . . "la capacità far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà" (da Wikipedia)

    Ciao, Fior

    RispondiElimina
  5. L'alternativa (desistere) mi sembra poco praticabile e un pò troppo "definitiva"

    RispondiElimina
  6. anche 1% di possibilità va giocato... resisti!

    RispondiElimina
  7. Se vale la pena resistere, bisogna resistere; altirimenti, si desiste. Nella vita ci sono anche le sconfitte, purtroppo.

    RispondiElimina