lunedì 10 dicembre 2012

Persepolis





A volte capita che ti sia sfuggito un film che ti era stato consigliato e questo era nella mia wishlist  da tanto tempo. L'altro giorno, andando a rendere dei libri in biblioteca ho avuto un po' di tempo per sbirciare in giro e ho visto il dvd di Persepolis, considerata la solita assenza di programmi interessanti in tv e l'onnipresenza nauseante del calcio, ho deciso di prendermelo (tra l'altro gratuitamente). 
Per una sera ho avuto la postazione televisiva a mia disposizione e mi sono accinta alla visione del film con una grande curiosità ed un'alta aspettativa. 
Sono stata ripagata in tutto! 
L'ho trovato poetico ed affascinante, struggente, duro e amaro. Niente occhialini in 3D, una pellicola quasi tutta in bianco e nero con solo qualche momento di colore, l'animazione essenziale ma intensa, l'assenza del colore ha reso se possibile tutto più realistico ed intrigante. 

La storia di Marjane è quella di una bambina volitiva, 
tenace che vive in Iran nel periodo della rivoluzione dalla cacciata dello Scià Reza alla presa del potere dei pasdaran. Le hanno insegnato a dire la verità e della verità nulla le viene nascosto, il nonno morto in prigione, lo zio fucilato dal regime, la magia della nonna combattiva e profondamente saggia profumata dai gelsomini che tiene nel reggiseno. Lei studia e cresce, gioca, sbaglia, si innamora e soffre per amore, ascolta tanta musica dai Bee Gees agli Iron Maiden, le cui cassette compra al mercato nero; soffre per il caldo che il funereo chador provoca, approfitta  come ogni adolescente della libertà che le è permessa dagli studi europei. Non perde mai la sua identità, la sua dignità talvolta vacilla ma resiste. 


L'ho trovato un film bellissimo, poetico e aspro, un inno alla libertà ed una condanna ferma e decisa di ogni integralismo, nel caso specifico quello islamico. 

8 commenti:

  1. Molto bello, l'ho visto anche io tempo fa e mi è piaciuto moltissimo. Sono molto interessanti anche i contenuti speciali, nei quali viene intervistata la "vera" Mariane che ora viva in Francia. ma mi sa che nella tua versione gratuita non c'erano.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho fatto caso.... peccato l'ho già restituito :-(

      Elimina
  2. L'avevo visto anni fa. Un film bello e significativo.

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, è molto molto bello.

    RispondiElimina
  4. una perla contro tanta spazzatura propinata ogni sera in tv... come non darti ragione

    RispondiElimina
  5. anche nel mio caso è all'interno di una lunga lista che temo inizierà ad assottigliarsi tra molti anni.

    RispondiElimina
  6. l'ho visto qualche tempo fa e ne sono rimasta colpita. La scelta del bianco e nero è molto suggestiva e rende meglio l'angoscia e il senso di impotenza.

    RispondiElimina